Ο παγκοσμοποιημένος καπιταλισμός βλάπτει σοβαρά την υγεία σας.
Il capitalismo globalizzato nuoce gravemente alla salute....
.... e puo' indurre, nei soggetti piu' deboli, alterazioni della vista e dell'udito, con tendenza all'apatia e la graduale perdita di coscienza ...

(di classe) :-))

Francobolllo

Francobollo.
Sarà un caso, ma adesso che si respira nuovamente aria fetida di destra smoderata e becera la polizia torna a picchiare la gente onesta.


Europa, SVEGLIA !!

Europa, SVEGLIA !!

domenica 20 ottobre 2013

18-19 ottobre.

 I media alla guerra immaginaria
pinocchiMa chi controlla i media? Diciamo meglio: che cavolo ha in testa chi li governa? Lo spettacolo mediatico intorno al 18 e 19 ottobre è stato così indegno che persino un signore perbene e molto governativo come Enzo Foschi, capo segreteria del sindaco di Roma Ignazio Marino ed esponente del Pd romano, è stato costretto a twittare: "I veri Black bloc sono tutti quei giornalisti infiltrati nel corteo... delusi dal fatto che non scorra sangue...".
Migliaia di ore di registrazione video, decina di migliaia di foto, centinaia di ore di interviste volanti ai manifestanti... tutto materiale buttato nel cesso per privilegiare cinque minuti si schermaglia davanti al ministero dell'economia, una fioriera spostata, la nuvola di qualche fumogeno, il "botto" di un petardo da stadio. Fino all'inarrivabile "disinnescamento di un ordigno contenente una pallottola calibro 12 che poteva fare molto male". Basta un vecchio cacciatore (o Wikipedia, non richiede uno sforzo intellettivo eccessivo) per spiegare che la "micidiale pallottola calibro 12" è la normale cartuccia da fucile da caccia, contenente pochi "grani" (nemmeno "grammi") di polvere da sparo; e che la sua "pericolosità" esiste solo se usata con un fucile corrispondente (della lunghezza di circa un metro, difficile portarselo dietro in manifestazione) e con una tipologia di pallini che non sia quella utilizzata per la caccia ai tordi...
I due maggiori quotidiani sono uno spettacolo a parte.
Repubblica lascia sfogare i suoi cronisti con improvvisazioni sullo spartito preparato da giorni. Hanno dovuto solo cambiare i nomi ai fantasmi evocati dalla loro necessità di creare paura. E quindi via i "No Tav", scesi a Roma con un pullman (60 persone anche un po' attempate non sono il massimo per simulare l'arrivo degli Unni), e avanti con i "black bloc", che non si sentivano più nominare da anni.. E' la stampa, bellezza; se non parlano tutti con le stesse parole, scrivendo tutti lo stesso articolo, non si sentono a posto. E la concorrenza, che fine fa?
Il più maturo, esperto e "ammanicato" Carlo Bonini segue invece la giornata dall'interno della sala operativa della questura e la vede come un wargame dove tutto è complessivamente sotto controllo. I poliziotti e i dirigenti vengono dipinti come "vecchi saggi" che "lasciano giocare" un po' i manifestanti, vedendo dalle telecamente che "il settore a rischio" è numericamente poca cosa. E soprattutto che i servizi d'ordine dei vari spezzoni funzionano davvero bene, per la prima volta dopo anni. Un segno di grandissima maturità politica dei movimenti, capaci di riappropriarsi davvero dell'intera mobilitazione (fin da venerdì mattina) e non farsi più giocare da altri la partita.
Idem per il Corriere della sera, dove ai cronisti di "nera" viene dato l'onore di aprire le pagine (agghiacciante quel catenaccio "Trovati tre ordigni, uno poteva uccidere", ovvero la povera cartuccia calibro 12 trovata in una busta!), mentre un altro esperto come Giovanni Bianconi - che nel corteo ci è stato davvero, altra classe... - arriva a conclusioni molto simili, ma dal lato dei manifestanti. Che hanno saputo decidere del proprio risultato politico senza esitazioni.
Nessuno spiega però il perché di questa determinazione double face: durissima con il potere, ma poco tollerante con le "forzature" tentate dall'interno del corteo. In piazza non c'erano persone che dovevano testimoniare di una qualche ideologia (c'erano anche quelle, naturalmente, in spezzoncini risicati da cui uscivano slogan atemporali, quindi "impolitici"), ma movimenti "vertenziali", che vogliono raggiungere risultati tangibili. La forza delle famiglie con bambini, sia italiane che di migranti e rifugiati, è tutta qui. Un "blocco sociale" disposto a lottare, non "a giocare"; tantomeno a "farsi giocare" da altri. Qualsiasi sia il gioco. Si fa sul serio, quindi si fa anche seriamente; pensando la lotta come un percorso, fatto di tappe, di momenti di scontro e altri di trattativa. Per rompere il fronte nemico, quelle "larghe intese" che sembrano l'unico marchio di fabbrica per i governi della Troika, e avanzare per cambiare il quadro sociale e anche la storia. L'antagonismo come pratica di vita, non "un giorno da leoni".
Questo ha spiazzato tutti i media, un po' meno le molte polizie di questo paese, abituate ormai tutti i giorni a fare i conti con un malessere sociale vero, fatto di persone in carne e ossa; con pratiche sociali dettate dal bisogno e quindi non affrontabili nei termini ridicoli della "fermezza" da talk show. Per dirla con una battuta paradossale: se a guidare la piazza (lato "forze dell'ordine") ci fossero i Calderoli o le Santaché, in Italia ci sarebbero decine di bagni di sangue al giorno.
Un briciolo di professionalità giornalistica sembra albergare ancora nei cronisti de La Stampa online, che ci consegnano almeno due notizie vere: "le devastazioni che tutti temevano - e qualcuno forse auspicava facendo scrivere di fantomatiche macchine idropulitrici utilizzate per sparare vernice addosso agli agenti - non ci sono state". Quel "facendo scrivere" è una vera notizia, perché è una confessione del clima in cui lavorano in redazione, sotto la spinta di input interni o esterni che indirizzano ad arte la fattura dei giornali.
La seconda è il riconoscimento al servizio d'ordine ("i" servizi d'ordine, sarebbe più esatto); "soprattutto, gli organizzatori della manifestazione hanno tenuto la piazza, predisponendo un servizio d’ordine e rispondendo anche a brutto muso a chi, tra loro, voleva agire in maniera diversa da quanto concordato". Anche la titolazione del giornale torinese, comunque, non enfatizza più di tanto "le violenze" immaginarie e prova a concentrare l'attenzione sul contenuto sociale - molto meno quello politico, oggettivamente e soggettivamente contro il governo e le politiche imposte dall'Unione Europea.
Il nuovo "manifesto" viaggia invece nella schizofrenia più completa. L'edizione online, a quest'ora del giorno dopo, spara ancora in apertura un pezzaccio a là Messaggero, con un titolo assolutamente indistinguibile da quelli meinstream ("Roma blindata nel giorno degli 'antagonisti'"; tra virgolette, come se invece avessero un'identità diversa... ma chi gliel'ha fatto passare l'esame a certa gente?).
Di fianco resiste ancora l'editoriale del giorno prima, in cui la direttrice giudica una "bella piazza" quella sindacale di venerdì, perché... non ci sono stati scontri. Nessun accenno ai contenuti, ma una allucinante assimilazione alla manifestazione del 12 (Landini e Rodotà in difesa della Costituzione ma senza citare chi la attacca e perché...); il tutto per ricondurre il "fermento sociale" al più ordinario tran tran politico ("il palazzo" come alfa e omega del ristretto orizzonte di Norma Rangeri).
Il quotidiano in edicola oggi, invece, ha un resoconto ai Roberto Ciccarelli che riconosce almeno alcuni dei fattori fondamentali di questa riuscitissima due giorni di mobilitazione, che il suo giornale nei giorni scorsi ha evitato accuratamente di trattare e spiegare. "Questo può essere un primo passo verso una politica contro l'austerità, che ha chiare basi sociali e mette al centro la richiesta del blocco degli sfratti per morosità, la riforma del Welfare e la richiesta di un reddito minimo. Potrebbe essere questo un primo, serio, tentativo per superare lo choc provocato dalla sconfitta politica del 15 ottobre 2011 che hanno fatto implodere il movimento, mentre negli Stati Uniti nasceva Occupy Wall Street, in Spagna si affermavano gli indignados e in Italia ci si è rinfacciati il risentimento e le responsabilità. Settantamila persone, forse anche di più, hanno partecipato al corteo della «sollevazione generale», parola che ha acquisito un nuovo significato".
Ma il resto del giornale pensa ancora e pervicacemente al "palazzo" e alle sue guerriglie interne, fin dall'editoriale stanco di Piero Beviilacqua "L'avversario non c'è più", tutto incapsulato dentro i malesseri... del Pd.
I quotidiani di destra erano troppo scioccati dalla contemporanea sentenza della Corte d'Appello di Milano, che ha fissato i due gli anni di interdizione dai pubblici uffici per Berlusconi. E quindi si sono limitati al solito elenco di insulti contro i manifestanti in genere, tutti comunisti e black bloc.
Il Fatto si pente almeno in parte dell'oscena rappresentazione fatta nei giorni scorsi, in cui sembrava preoccupato di scavalcare a destra la stampa berlusconiana e presenta un coro di voci dalla tendopoli di Porta Pia. Tardivo, ma almeno utile a riportare al centro dell'attenzione i temi veri, buttando nel cesso quelle ossessioni "legalitarie" che inevitabilmente "buttano" sempre a destra. Alla fine, a denti stretti, anche il quotidiano del duo Padellaro-Travaglio deve ammettere che "Per il resto hanno avuto ragione Cobas, Usb, movimenti No Tav e No Muos, gruppi di “inquilinato resistente”, anarchici, singoli esasperati dalla crisi, immigrati (tantissimi). La manifestazione è riuscita, finita a tarda sera con l’accampamento sociale a Porta Pia. C’è una frase che può offrire una sintesi della due giorni di cortei a Roma, è quella urlata da uno speaker dal camion musicale che apriva il corteo: “Siamo tanti, la crisi ci uccide ma non siamo più soli”.
20 ottobre 2013

Nessun commento:

Posta un commento

Blog curato da ...

Blog curato da ...
Mob. 0039 3248181172 - adakilismanis@gmail.com - akilis@otenet.gr