Ο παγκοσμοποιημένος καπιταλισμός βλάπτει σοβαρά την υγεία σας.
Il capitalismo globalizzato nuoce gravemente alla salute....
.... e puo' indurre, nei soggetti piu' deboli, alterazioni della vista e dell'udito, con tendenza all'apatia e la graduale perdita di coscienza ...

(di classe) :-))

Francobolllo

Francobollo.
Sarà un caso, ma adesso che si respira nuovamente aria fetida di destra smoderata e becera la polizia torna a picchiare la gente onesta.


Europa, SVEGLIA !!

Europa, SVEGLIA !!

domenica 8 dicembre 2013

Non c’è pace per i pensionati

Fonte: Liberazione | Autore: Sante Moretti
                   
La legge di stabilità votata dal Senato non modifica la legge Fornero e introduce alcune misure che peggiorano la condizione dei pensionati e di chi andrà in pensione. Non è credibile l’ipotesi di modifiche alla Camera che si limiterà a discutere il pasticcio dell’Imu.
In soldoni. Le pensioni superiori a 1.486 €uro lordi saranno parzialmente rivalutate fino a 2.973 €uro: fino a 1.487 €uro lordi la rivalutazione è piena, tra i 1.487 ed i 1.982 €uro è del 90%, da 1.982 a 2.478 €uro del 75%, da 2.478 a 2.973 €uro del 50%.
Per quelle superiori è abolita la rivalutazione al costo della vita. È eccessivo considerare d’oro una pensione di 3.000 €uro lorde (2.000 €uro nette).
Nel biennio 2012/2013 con il blocco della rivalutazione sono stati sottratti dagli assegni pensionistici di 6 milioni di anziani mediamente 700/800 €uro che non verranno più recuperati: una diminuzione permanente della pensione. La rivalutazione per il 2014 sarà di circa 5 €uro al mese per le pensioni minime, 10 per quelle di 1.000 €uro e di 15 per quelle fino a 3.000 €uro lorde mensili.
Da tempo contestiamo questo sistema di rivalutazione in quanto è maggiore se la pensione è più elevata ed il paniere non è tarato sui consumi degli anziani.
Viene introdotto il contributo chiamato di solidarietà per aggirare il parere negativo della Corte Costituzionale che ha annullato quello deciso dal governo Berlusconi e confermato dal decreto “Salva – Italia” con la conseguente restituzione di quanto trattenuto a 35.000 anziani che percepivano pensioni superiori a 100.000 €uro.
Il prelievo è pari al 5% per gli importi di pensione tra i 90.000 €uro annui ed i 150.000 e sale al 10 per gli importi da 150.000 ai 200.000 e del 15% per le eccedenti.
Si sostiene che questo prelievo, poco più di 40 milioni, dovrebbe servire nel prossimo triennio a sperimentare il salario minimo ed a sostenere i poveri. Si dovrebbero vergognare, come si può, per finalità condivisibili che interessano milioni di persone, rendere disponibili 40 milioni in tre anni?
Rimane in vigore il prelievo dello 0,3% e dell’1% sulle pensioni in base agli anni di contribuzione versati prima del 1996 degli iscritti ai fondi speciali elettrici, trasporti, dirigenti di azienda ed altri…
Dal 2014 l’età per la pensione di vecchiaia delle lavoratrici dipendenti salirà a 63 anni e 9 mesi ed a 64 anni e 9 mesi per le autonome (commercianti, artigiane o coltivatrici): per la pensione di anzianità saranno necessari 42 anni e 6 mesi di contributi.
È rimasto intanto tragicamente irrisolta la drammatica condizione degli esodati.
È dal 1992 che tutti i governi (cominciò Amato) sono intervenuti sulle pensioni con l’argomento che sul terreno economico il sistema non regge, che è cresciuta la speranza di vita, che le pensioni pesano troppo sullo stato sociale, che il rapporto con il PIL degli altri paesi europei è negativo.
Negli ultimi due anni hanno prelevato 6 miliardi di €uro per tamponare la crisi: una rapina a viso scoperto!
L’Inps ha diffuso alcuni dati su cui torneremo. su 16.650.000 pensionati ben 7.200.000 percepiscono meno di 1.000 €uro al mese e di questi 2.600.000 meno di 500 €uro.
Il bilancio dell’Inps 2012 è in passivo di circa 10 miliardi a causa della confluenza dell’Inpdap che vi ha scaricato un analogo disavanzo. Il lavoratori dipendenti, malgrado l’aumento dei disoccupati, è attivo di 1 miliardo e 350 milioni, quello dei precari di 8 miliardi e 716 milioni. Contemporaneamente vengono confermati i pesanti deficit delle gestioni dei lavoratori autonomi, dei dirigenti d’azienda, del clero, dei fondi speciali (trasporti, ferrovieri, elettrici…). E’ confermato da tutti gli osservatori economici un aumento esponenziale delle famiglie a rischio di povertà.
Ma i continui interventi sulle pensioni puntano ad un sistema che si basi sulla previdenza integrativa, a rompere la continuità tra salari e pensione (salario differito), a diminuire i contributi (parte del salario), a superare la previdenza pubblica con forme di assistenza.
Sappiamo bene che un confronto vero non si riesce ad aprire in quanto le confederazioni sindacali ed i sindacati dei pensionati non possono mettersi di traverso né al PD né al PDL né tantomeno a Napolitano.
Né le nostre argomentazioni trovano spazio nei mass-media.
Abbiamo rivendicato un tetto alle pensioni, ma riteniamo debba essere esteso ai vitalizi, agli organi costituzionali, alle casse dei giornalisti, dei notai, degli avvocati…come pure ai salari, compensi, emolumenti del settore pubblico e privato. Sappiamo bene che una simile “bolscevica” misura confligge con il sistema di produzione capitalistico ma riteniamo sia l’unico strumento efficace per superare la crisi e praticare un minimo di giustizia sociale.

Nessun commento:

Posta un commento

Blog curato da ...

Blog curato da ...
Mob. 0039 3248181172 - adakilismanis@gmail.com - akilis@otenet.gr