Ο παγκοσμοποιημένος καπιταλισμός βλάπτει σοβαρά την υγεία σας.
Il capitalismo globalizzato nuoce gravemente alla salute....
.... e puo' indurre, nei soggetti piu' deboli, alterazioni della vista e dell'udito, con tendenza all'apatia e la graduale perdita di coscienza ...

(di classe) :-))

Francobolllo

Francobollo.
Sarà un caso, ma adesso che si respira nuovamente aria fetida di destra smoderata e becera la polizia torna a picchiare la gente onesta.


Europa, SVEGLIA !!

Europa, SVEGLIA !!

martedì 28 maggio 2013

SERBIA: Ritmi infernali alla Fiat di Kragujevac. E l’operaio sfregia le auto

- eastjournal -

1996156983504742b759558021859795 V4big
Un operaio dello stabilimento Fiat di Kragujevac, in Serbia, ha danneggiato trentuno automobili 500L, il nuovo modello del Lingotto in produzione da marzo nell’impianto serbo. Il motivo? Era scontento del salario e delle condizioni di lavoro. La notizia è riportata oggi, 28 maggio, dai giornali di Belgrado secondo cui l’episodio di protesta sarebbe avvenuto durante il turno di notte fra venerdì e sabato scorsi. Il danno complessivo alle macchine non sarebbe indifferente: ben 50mila euro.
E adesso toglietevi quel sorrisetto dalla faccia. Perché son sicuro che la maggior parte di voi, leggendo questa notizia, ha provato un minimo di soddisfazione. È normale, non sentitevi troppo in colpa: fa parte dell’innata voglia di parteggiare per i più deboli contro i più forti, di stare con i lavoratori e contro i “padroni”. Ma bisognerebbe invece cercare di capire.
Zoran Mihajlovic, vicepresidente dell’Unione dei sindacati indipendenti della Serbia, ha commentato all’Ansa: “Condanniamo l’episodio, ma al tempo stesso va detto che la situazione in fabbrica non è affatto piacevole. Ci sono un gran numero di lavoratori sottoposti a forte pressione fisica e psicologica. Si lavora a ritmi infernali e sotto forte stress”. Il sindacato, pur condannando l’episodio, ha comunque sottolineato l’atmosfera di crescente insofferenza nei confronti del management che si respira in fabbrica.
Mentre i 2.400 operai infatti sono tutti serbi (o quasi), i “capi” sono tutti italiani. E questo non aiuta nella comprensione reciproca. Tanto più se si obbliga una persona a lavorare dodici ore al giorno per 306 euro al mese. Questo è infatti quanto mediamente prendono gli operai Fiat a Kragujevac. Solo recentemente il turno è stato ridotto a otto ore lavorative, ma questo non ha raffreddato gli animi.
Il danneggiatore (che in realtà potrebbe essere anche più di uno) ha tracciato sulle carrozzerie delle macchine scritte ingiuriose nei confronti degli italiani: “Mangiatori di rane andate via dalla Serbia”. Una richiesta quanto meno inusuale in un Paese dove la disoccupazione è al 25% e pur di lavorare si accettano paghe da fame. Come quelle che offre la Fiat: 34mila dinari al mese, appunto poco più di 300 euro, quando perfino il salario medio in Serbia è più alto, all’incirca 46mila dinari (414 euro).
È ovvio che c’è qualcosa che non quadra nella gestione dell’azienda, nelle regole del mercato, nei governi serbo e italiano che rendono possibile questa situazione, nelle persone che sono costrette ad accettare umiliazioni lavorative pur di portare a casa uno stipendio.
Ma a tutto c’è un limite e la situazione resterà tale solo finché qualcosa non cambierà. Perché se il gesto dell’anonimo danneggiatore facesse scuola sarebbero gravi problemi per Marchionne e gli “Elkagnelli”. La Fiat ha infatti puntato tantissimo sulla nuova 500L e sul mercato statunitense cui è destinata. Già nella scorsa settimana è partita una nave con le prime 3.200 vetture Fiat con destinazione Baltimora (Usa) e certamente la Fabbrica Italiana Automobili Torino (sic) non si può permettere un’interruzione della produzione proprio adesso.
Chissà che i serbi con le loro proteste non riescano a ottenere in pochi mesi quello che sindacati e operai italiani ormai si sognano da decenni: un miglioramento delle condizioni lavorative.

Nessun commento:

Posta un commento

Blog curato da ...

Blog curato da ...
Mob. 0039 3248181172 - adakilismanis@gmail.com - akilis@otenet.gr