Ο παγκοσμοποιημένος καπιταλισμός βλάπτει σοβαρά την υγεία σας.
Il capitalismo globalizzato nuoce gravemente alla salute....
.... e puo' indurre, nei soggetti piu' deboli, alterazioni della vista e dell'udito, con tendenza all'apatia e la graduale perdita di coscienza ...

(di classe) :-))

Francobolllo

Francobollo.
Sarà un caso, ma adesso che si respira nuovamente aria fetida di destra smoderata e becera la polizia torna a picchiare la gente onesta.


Europa, SVEGLIA !!

Europa, SVEGLIA !!

lunedì 13 febbraio 2012

BLACK BLOCK? NO, PARTIGIANO E COMUNISTA

controlacrisi
I media di regime italiani hanno parlato delle violenze dei blAck block in Grecia per tentare di delegittimare una rivolta popolare contro il Governo delle banche. Ieri però in piazza c'era il cuore delle resistenza sociale. In questa foto è ritratto Manolis Glezos, partigiano, comunista e membro di Syriza, mentre affronta la polizia davanti al parlamento. Qui di seguito pubblichiamo la sua storia presa da wikipedia, è la storia di un partigiano, di uno che non ha venduto le sue idee, di uno che non ha venduto il suo popolo alle banche come hanno fatto i "socialdemocratici" in Europa. Compagno Manolis, controlacrisi.org ti saluta con il massimo rispetto.

Nel 1935 si trasferì con la famiglia ad Atene, dove frequentò le scuole superiori, mantenendosi agli studi con il lavoro presso una farmacia. Nel 1940 si iscrisse alla "Alta scuola di studi economici e commerciali" ora "Università di Economia di Atene"

Nel 1939, quand'era ancora studente delle superiori, Glezo partecipò alla creazione di un gruppo giovanile antifascista, contro l'occupazione italiana del Dodecaneso e la dittatura di Ioannis Metaxas.
Al momento in cui l'Italia invase la Grecia (28 ottobre 1940), Glezos chiese di andare al fronte in Albania contro l'invasore, ma la domanda fu respinta perché troppo giovane. Lavorò dunque come volontario per il Ministero dell'Economia. Durante la successiva occupazione nazista lavorò per la Croce Rossa greca e il comune di Atene; contemporaneamente si impegnò attivamente nella Resistenza.
La bandiera con la svastica sull'Acropoli
Il 30 maggio del 1941, insieme al suo amico e compagno Apostolos Santas, si arrampicò sull'Acropoli e ne strappò via la bandiera con la svastica, che vi sventolava dal 27 aprile 1941, quando le truppe tedesche erano entrate ad Atene. Alla bandiera nazista sostituì quella nazionale greca. Fu il primo clamoroso atto della resistenza in Grecia, uno dei primi in Europa. Ispirò molti, e non solo greci, a resistere all'occupazione nazista e fascista.
I due autori vennero attivamente ricercati e furono condannati a morte in contumacia. Glezos fu catturato dalle forze di occupazione tedesche il 24 marzo 1942 e fu pesantemente torturato. In seguito a questo trattamento, si ammalò gravemente di tubercolosi. Rilasciato per le sue condizioni di salute, fu nuovamente arrestato il 21 aprile 1943, stavolta dalle forze di occupazione italiane, e tenuto tre mesi in prigione, fino a che fu liberato in conseguenza della caduta del fascismo nel luglio del 1943.
Il 7 febbraio 1944 fu arrestato di nuovo, stavolta dai collaborazionisti greci dei nazisti. Passò nuovamente sette mesi e mezzo in prigione, finché riuscì ad evadere il 21 settembre dello stesso anno.

1946-1974
La fine della Seconda guerra mondiale non segnò la fine della repressione, né per Glezos né per molti militanti greci. Il 3 marzo 1948, nel corso della guerra civile greca, fu processato per le sue convinzioni politiche e condannato a morte dal governo di destra. Tuttavia la sentenza non fu eseguita, anche a causa di un vasto movimento dell'opinione pubblica internazionale in favore dell'eroe della resistenza. La pena nel 1950 fu ridotta all'ergastolo.

Mentre era ancora detenuto, Glezos fu eletto al Parlamento nazionale nella lista della Sinistra Democratica Unita (Ενιαία Δημοκρατική Αριστερά, ΕΔΑ - EDA). Durante la campagna elettorale, intraprese un duro sciopero della fame per ottenere il rilascio dei suoi compagni parlamentari dell'EDA che erano in prigione o al confino politico nelle isole. Terminò lo sciopero della fame quando 7 parlamentari dell'EDA furono rilasciati. Anch'egli fu poi rilasciato, il 16 luglio del 1954. Il 5 dicembre del 1958 fu di nuovo arrestato sotto l'accusa di spionaggio, che era il pretesto per perseguitare gli esponenti della sinistra durante la Guerra fredda. Il suo nuovo rilascio, il 15 dicembre 1962, fu il risultato di una vasta campagna, in Grecia e all'estero. Durante questa nuova detenzione, fu di nuovo eletto parlamentare dell'EDA nel 1961. Al momento dl Colpo di Stato del 21 aprile 1967, Glezos fu arrestato alle due di notte, insieme al resto dei leader politici. Durante il Regime dei colonnelli, la dittatura militare guidata da Georgios Papadopoulos, subì ancora quattro anni di prigione e "confino", fino al 1971. Nel complesso la persecuzione politica di Glezos, durante la Seconda guerra mondiale, nel dopoguerra e durante la dittatura, gli procurò 11 anni e 4 mesi di carcere e 4 anni e mezzo di "esilio" nelle isole.

Dopo il 1975
Dopo la trasformazione democratica (1974), Glezos partecipò alla resurrezione dell'EDA. Nelle elezioni del 1981 e del 1985 fu eletto al Parlamento in liste del PASOK (Movimento Socialista Panellenico), uno dei due maggiori partiti greci. Fu presidente dell'EDA dal 1985 al 1989. Nel frattempo, nel 1986, si era dimesso dal Parlamento per tentare di dar vita ad un esperimento di "democrazia di base". Si recò nel piccolo villaggio di Aperathu, nell'isola di Naxos, dove fu eletto Presidente del consiglio comunale alle elezioni del 1986. Allora abolì le prerogatibve del Consiglio stesso, introducendo una "Costituzione" e stabilendo che la locale assemblea avesse il controllo totale dell'amministrazione comunale. Questo modello fu applicato per alcuni anni, ma a lungo andare l'interesse del resto della comunità venne meno e il regime assembleare fu abbandonato. Glezos rimase Presidente fino al 1989. Alle elezioni legislative del 2000, egli guidò la lista del Synaspismos, coalizione di forze di sinistra. Nel 2002 fondò il gruppo politico Cittadini Attivi, che entrò a far parte del SYRIZA, alleanza tra il Synaspismos e altri partiti minori della sinistra radicale greca. In quell'occasione si candidò a prefetto dell'Attica.

Attualmente Glazos è Presidente del Consiglio Nazionale per le Riparazioni dell'Occupazione Tedesca, membro del Consiglio Nazionale per le Riparazioni di Guerra Tedesche e del Consiglio Nazionale per le Riparazioni di Guerra.

1 commento:

  1. Finalmente tante cose vengono al pettine.Sono
    felice per questo ma resto seriamente preoccupato per il popolo greco che ammiro dopo
    avere vissuto a Salonicco per 16 mesi.
    La preoccupazione maggiore mi deriva dall'amicizia con il mio amico Alexis che saluto
    augurandogli un avvenire migliore per lui e per tutti i greci. Tonino

    RispondiElimina

Blog curato da ...

Blog curato da ...
Mob. 0039 3248181172 - adakilismanis@gmail.com - akilis@otenet.gr